BIOGRAFIA

Nati nel lontano 1990, sono uno dei gruppi più longevi della scena ska italiana.

Da subito molto attivi nei live, bisogna aspettare il 1995 perché il loro primo lavoro “Papalagi” mixato negli studi di Suono Vivo da Dario Ravelli, veda la luce. Di quegli anni restano però due demotape con brani inediti e cantati dal primo cantante Ugo Crescini. Una formazione nata quasi per caso, come accadeva spesso allora, cresciuta e maturata calcando palchi e facendo strada, fra furgoni e accomodation di fortuna, lontano dai palchi mainstream. Club, centri sociali, feste paesane e manifestazioni politiche, negli anni in cui la scena ska stava riprendendo spazio anche a livello internazionale. Nacque così la collaborazione con Gridalo Forte Records, una label animata da Banda Bassotti, storica combat band romana e che fu uno dei piccoli miracoli della discografia indipendente di quegli anni.

Il tempo passava e la band cresceva e anche la formazione cambiava, pur se rimanendo imperniata sulle figure di Stefano Kino Ferri e Franco Skarpe Scarpellini, che col tempo divennero i maggiori autori dei brani originali e di fatto i producer dei vari concept.

Nel disco convivono brani di sapore battagliero con brani festaioli, degni delle migliori sbicchierate fra amici, così come brani dai contenuti più riflessivi e a volte pure intmisti.

Questa sarà una delle cifre stilistiche che caratterizzeranno sempre la band in tutta la sua produione.

Ne esce un lavoro armonico e con un filo preciso, assolutamente delizioso dal primo all’ultimo brano. Con brani suonati sempre in presa diretta e spesso: buona la prima! “Nuvoloni”, “Supera i confini” Ma pure quella “Monkey man in Mexico” che segnerà l’inizio della proficua collaborazione con Tonino Carotone, il musicista di Pamplona conosciuto proprio in quei giorni.

Gli incontri sono tanti. Si sale sul palco in festival con nomi come Desmond Dekker, o come gli Skatalites e Lurel Aitken. Ma anche band come Malarians, Skalariak, Radici Nel Cemento e tante altre ancora.

Ed’è proprio chiacchierando con Laurel che nasce l’idea di un tour autoprodotto con i nostri a fare da backing band, tour che prenderà forma nel 1999.

Tutte esperienze che fanno crescere sia la maturità, che la introiezione della cultura della musica in levare vecchia e nuova, da parte dei membri della band.

La band si trasferisce a Roma, negli studi che furono di Piero Umiliani e registra nove tracce, sempre in presa diretta e con una intenzione stilistica molto definita e brillante. Piccole perle che ancora oggi sono nelle playlist di molti appassionati.

Brani impreziositi dalle numerose collaborazioni. Quella con Tonino Carotone in “ Guarda che luna”, con Pilar Piluka Arranguren in “ Parole Parole”, con Begona Bang Matu in “Figlio unico” e con Cristiana Dupe Olojo Kosoko in “Canzone” .

Voci , mixaggio e master saranno realizzati ancora nel paese basco con Kaki.

Nel frattempo l’estate del 2000 vede pure il lavoro come backing band di Tonino nella tournee del suo fortunato album di esordio, e saranno decine i concerti di quella stagione, davvero fortunata.

Dopo una pausa di riflessione di quasi una stagione, con pochi live e qualche rimaneggiamento della formazione bisogna arrivare al 2004 per cominciare a vedere nascere il concept di quello che sarà il loro ultimo lavoro, almeno fino ad ora.

Ancora Tonino e Piluka, ma poi Roy Paci, Valerio Mastandrea, e molti altri ancora, a impreziosire brani che sono ormai dei classici per gli amanti del genere e non solo.

E poi la collaborazione con una persona speciale e unica, il cantautore romano Stefano Rosso, del quale (e col quale) la band interpreterà una versione de “Una storia disonesta”, eclettico inno antiproibizionista d’anté.

Sono anni pieni di impegni e soddisfazione, sia per la buona riuscita del disco, con la conseguente esecuzione radiofonica di molti brani anche su network nazionali, che per gli impegni live che si moltiplicano e che vedono il moltiplicarsi di date in tutta Europa.

Così che nel 2008 sopravviene un momento di stanchezza e la band sospende le attività. Passano ben otto anni prima che Kino e Franco, che nel frattempo si erano dedicati a piccoli progetti differenti, si ritrovino e decidano di ripartire, prima con un concerto una tantum e poi, visto il successo e le richieste ricevute, con una serie di date che dovevano essere limitate e che invece si decide di non fermarsi e di continuare, visto il successo e le nuove.

Così nel 2018 dopo una trentina di concerti la band rilascia una ska cover del celeberrimo “ Should I stay or should I go” dei Clash.

Il brano fa parte di una compilation tedesca di tributo al punk, e viene registrato con la produzione di Walter Bonnot Buonanno, eclettico producer e membro attivo di Assalti Frontali che fu anche bassista nella band.

Nel frattempo nasce l’idea assieme alla regista Alicia Vibes di un video che in qualche modo si contrapponga alle disposizioni sull’immigrazione inasprite ulteriormente dall’allora ministro dell’interno e il tema del potere restare o andare sembra essere il sillogismo ideale.

Così la band collega il brano a un video totalmente autoprodotto..

Continuano intanto i concerti, ma la voglia di raccontare storie è tanta e così ricomincia il lavoro di scrittura, che porta a cominciare un lavoro in studio, che purtroppo si deve fermare nel periodo del lockdown a seguito dell’epidemia da COVID19, ma che la band si avvia a riprendere, realizzando un nuovo lavoro che verrà rilasciato nella primavera del 2021

Condividi la pagina:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram